giovedì 30 ottobre 2014

Da Jiin a Jiin


"Che dei miserabili [...] non vengano a sostenere che lo schiavista che, con l’astuzia e la violenza, incatena uno schiavo è, di fronte alla morale, l’eguale dello schiavo che, con l’astuzia e la violenza, spezza le sue catene!". Lev Trotskij

domenica 12 ottobre 2014

venerdì 12 settembre 2014

Holy Martyr - Invincible (2011)

Il samurai cieco Zatoichi, il killer nero e sottoproletario ispirato dall'Hagakure di Ghost Dog, i sette guerrieri nipponici di Akira Kurosawa. Sono questi alcuni dei protagonisti di Invincible, l'ultimo album degli Holy Martyr, con quale la band sarda scrive un capitolo importante nella storia del metal più epico. Quasi un concept dedicato per intero all'antico Giappone, l'album è stato stampato e distribuito, con una versione ad hoc, anche nella terra del Sol Levante. Da Zatoichi" a Invincible, gli inni contenuti nell'opera dei cinque guerrieri sardi sono il nutrimento ideale per chi, allevato a pane "Sasuke" e "Uomo Tigre", e poi cresciuto in quella terra metallica di confine fra le nazioni della Nwobhm e dell'Epic Metal. Le storie raccontante su "Invincible", frutto della creatività del chitarrista Ivano Spiga, sono arricchite dalla voce e dalla interpretazione di Alex Mereu che si muove sulla scia dei grandissimi del genere e che in questo lavoro si cimenta anche col flauto giapponese, lo Shakuachi.

venerdì 27 giugno 2014

Hey!!!

Manifesto della Festa democratica dell'Unità 2014 a Roma: scritta:"Happy Days fino al 26 luglio" + foto di pollice verso l'alto alla Fonzie/Renzie. 
Aprile - 1998 - Nanni Moretti
Nanni Moretti: "Negli anni '70 a Roma la Fgci, i giovani comunisti romani, stavano tutti i pomeriggi di fronte ai televisori a vedere Happy Days... Fonzie". Barbagallo: "E questo cosa c'entra Nanni?". N.M.:"E' la loro formazione politica, culturale e morale". B:"Nanni questo non c'entra proprio niente. Assolutamente". N.M." Va beh non c'entra...Non c'entra, però c'entra. Non c'entra però c'entra".

sabato 5 aprile 2014

LA SPERANZA E' PARADOSSALE - POESIA di ERICH FROMM

La speranza è paradossale
 Non è né passiva attesa
Né irrealistica forzatura di circostanze
Che non possono avverarsi
È come la tigre rannicchiata
Che salta solo quando è il momento

 Lo stanco riformista
E l’avventuriero pseudo-radicale
Non sono espressioni di speranza

Sperare significa
Essere pronti in ogni momento
A ciò che non è ancora nato
 Ed anche non disperarsi se nulla nasce
Durante la nostra vita

 Coloro che hanno poca speranza
Scelgono gli agi o la violenza

 Coloro che sperano ardentemente
Vedono e amano
Ogni segno di una nuova vita
E sono pronti in ogni momento
Ad aiutare la nascita di ciò che è pronto a venire al mondo 

venerdì 31 gennaio 2014

9.125.000 morti di fame all'anno. 2014: appunto 1

Secondo le stime della Fao (2003) ogni giorno 25mila persone muoiono di fame. Ciò significa che il capitalismo - il modo di produzione largamente dominante da 25 anni a questa parte - fa ogni anno circa 9.125.000 morti.